Archivi tag: Antonio Nazzaro

Ma un libro nasce cosi? – ¿Pero así nace un libro?

Ma un libro nasce così?

Il fatto d’essere nato a Torino nel 1963 è stato del tutto casuale, sarebbe potuto nascere in qualunque città del Nord Italia, dove cadevano come acquazzoni i meridionali nel dopoguerra.

I due vecchi che lo accompagnano camminando per Caracas sono mamma Sara e papà Vittorio la loro storia si racconta tra fotografie, umiltà e una quasi folle volontà d’essere onesti e genitori.

Il manicomio o clinica sarà parte della loro vita con l’arrivo della sorella Daniela soffocata dal forcipe e rimasta senza respiro per sempre, ma viva se così si può dire.

Per Antonio è la prima volta e durerà per sempre: trovarsi controvento.

La diversità è contagiosa almeno per gli altri.

E’ una lotta che si svolge quasi in silenzio tra medaglie del migliore della classe e voler essere un buon giocatore di calcio e poi atleta. In verità solo voleva dire mi chiamo Antonio e sono normale.

Nascosto scrive poesie ma senza capire il perché.

Gli anni scorrono con il nonno paterno vecchio partigiano e comunista, fotografo per caso e fondatore di una dinastia di fotoreporter, che gli insegna l’onesta e che ci sarà un mondo migliore. 

La sorella Daniela fa scoprire ogni giorno che non ci sarà un mondo migliore.

Lui guarda la sorella handicappata e si ritrova handicappato allo specchio degli occhi che non sono i suoi.

La politica e la scuola si sgretolano sotto i piedi e il saltare in alto per ogni centimetro che si supera,  aumenta la caduta. Antonio esiste solo se “vince” e la voglia di perdere si fa grande.

Il  preside e professore del liceo gli trasmette il piacere delle cose colte.

Daniela è sempre stesa sul tappeto e Antonio la scavalca, sembra senza vederla,  ma è un grido in un passo di ogni giorno e ogni notte per anni ed anni.

Poi quasi per gioco arriva l’eroina. Antonio è finalmente lo specchio degli occhi non suoi.  Ha una amante-madre-sposa e voglia di vivere che sbatte i tasti di una macchina da scrivere ma il giornale non lo sente e la poesia mente.

Sono passi senza rumore silenzi urlati e sguardi stanchi e per la cena tra i giornalisti c’è che gli trucca gli occhi ma non si trucca la vita e quando la polizia morde il passo arriva la Comunità

Ti vedo bene dicono con uno strano sorriso tra chi aspetta la ricaduta e chi  fabbrica  etichette e ti chiama ex mentre la partita non è neanche alla fine del primo tempo.

Antonio riempie fogli di poesie che legge alla donna di turno compagna d’ago e prostituzione e furto con destrezza e spesso con rabbia che si fa violenza che gli fa paura.

Sono parole perse che cercano un appiglio, una vita che non se ne va.

 Daniela si scavalca come prima senza vedere.

Fa il giornalista di nuovo  ma è un inganno e la porta della comunità o di una clinica s’apre prima della cella. 

L’illusione è un paesino della Liguria, come se il sale marino potesse chiudere le vene, mentre arriva un “foglio di via” e  una donna senza volto che parla dal Messico e dal computer  si fa amore.

La donna era bella come luce della scena e finalmente vera, lo scrivere ha forza di lingua e Antonio si fa maestro d’italiano e la vita sembra un sogno messicano. Poesie e scritti corrono come la città.

Antonio ritrova la vita nell’odore a nuovo del mercato di Tlalpan e nel viso di una donna che ha la faccia di uno sguardo che s’incontra per caso…

Virma è  un’ acquazzone che porta la pioggia nelle ossa, la metro si fa nave amorosa e Antonio sta per farsi  padre e professore d’università.

Antonio è bottiglia di champagne di compleanno apre la porta, ma Virma non risponde: dondola, dondola. Appesa a una corda per il collo e un foglio bruciato. Taglia le corde come fossero quelle che legavano Daniela al letto quando bambino.

Lui è in un manicomio messicano con Daniela corre nel prato

Cuzumel è isola dai  movimenti lenti e lingua indigena e silenzi di donne dalla borsetta che racchiude una vita. La penna è secca come la tastiera senza schermo. Torna ad insegnare. La vita torna, come sempre.

Caracas è nuovo amore.

 Il vacillare della mente si ritrova sulla tastiera che si fa video e racconto e si schiude in un libro Odore a…

 L’itañolo è una nuova cultura una nuova vita come sempre sconosciuta che si osserva dall’Avila.

 

¿Pero así nace un libro?

El hecho de haber nacido en Turín en 1963, fue completamente una casualidad, hubiera podido nacer en cualquier ciudad en el norte de Italia, donde caían como aguaceros los del sur en la posguerra.

Los dos ancianos que lo acompañan caminando por Caracas son mamá Sara  y papá Vittorio. Su historia se cuenta entre fotografías, humildad y un deseo casi loco de ser honestos y padres.

El manicomio  o clínica será parte de su vida con la llegada de su hermana Daniela sofocada    por un fórceps y dejada sin aliento para siempre, pero con vida, si así se puede decir.

Antonio por primera vez y durará para siempre: encontrarse contraviento. La diversidad es contagiosa, por lo menos para los demás.

 Es una lucha que se lleva a cabo casi en silencio entre las medallas del mejor de la clase y con ganas de ser un buen jugador de fútbol y deportista. En realidad sólo quería decir: mi nombre es Antonio y soy normal.

 En secreto, escribe poemas, pero sin entender el porqué.

 Los años pasan con el abuelo paterno viejo partisano y comunista, fotógrafo por casualidad y fundador de una dinastía de fotoperiodistas, quien le enseñó la honestidad y que habrá un mundo mejor.

 La hermana Daniela hace descubrir cada día que no habrá un mundo mejor.

Él mira a su hermana discapacitada y se encuentra discapacitado en el espejo de los ojos que no son los suyos.

La política y la escuela se desmoronan bajo sus pies y el salto de altura para cada centímetro que se supera aumenta la caída. Antonio sólo existe si “gana” y el deseo de perder se hace grande.

 El director y profesor del Liceo, le transmite el placer de las cosas cultas.

 Daniela está siempre tirada en la alfombra y Antonio la salta parece sin verla, pero es un grito en un paso de cada día y cada las noche por años y años.

 Luego, casi como un juego llega la heroína. Antonio es, finalmente, el espejo de los ojos que no son los suyos. Tiene una madre-esposa-amante y el deseo de vivir que golpea  las teclas de una máquina de escribir, pero el periódico no lo escucha y la poesía miente.

 Son pasos sin ruido silencios gritados y miradas cansadas y por la cena entre los periodistas hay quien le maquilla los ojos, pero la vida no se maquilla y cuando la policía muerde el paso llega  la Comunidad.

 ¡Te veo bien!, dicen con una extraña sonrisa entre quien espera una recaída y quien tiene fábrica de etiquetas y te llama ex-  mientras que el juego no está ni siquiera al final del  la primera mitad.

 Antonio llena hojas de poemas que lee a la mujer de turno compañera de aguja,  prostitución y robo y, a menudo con la rabia que se hace  violencia que le da miedo.

 Son palabras que se pierden buscando un agarre, una vida que no se va. Daniela se salta como antes, sin ver. Hace de periodista nuevamente, pero es engaño y la puerta de la Comunidad o de una clínica se abre antes que la celda.

 La ilusión es un pueblito en Liguria, como si la sal del mar pudiera cerrar las venas mientras llega un mandato de expulsión y una mujer sin rostro que habla desde México y a través del PC se hace amor.

 La mujer era tan hermosa como luz del escenario y por fin real, el escribir tiene  fuerza de lengua y Antonio se hace profesor de italiano y la vida parece un sueño mexicano pero la vida embriaga. Poemas y escritos corren como la ciudad.

Antonio encuentra una nueva vida en el olor del mercado de Tlalpan y  en el rostro de una mujer que tiene la cara de una mirada que se encuentra por casualidad…

 Virma es un aguacero que mete la lluvia en los huesos, el metro se hace barco amoroso y Antonio va a ser padre y profesor universitario.

 Antonio es  botella de champán de cumpleaños abre la puerta pero Virma no responde: se columpia, se columpia. Colgada a una soga por el cuello y una hoja quemada. Corta las cuerdas como si fueran las que ataban Daniela a la cama cuando niño.

 El está en un manicomio mexicano con Daniela corre en el prado

 Cozumel es isla de movimientos lentos y lengua indígena y silencios de mujeres de cartera que contiene toda una vida. La pluma está seca como el teclado sin pantalla. Vuelve a enseñar. La vida vuelve, como siempre.

Caracas es nuevo sentimiento. El vacilar de la mente se rencuentra sobre el teclado que se hace vídeo y cuento y se cierra en un libro: Olor a. El itañolo es una nueva cultura, una nueva vida como siempre desconocida que se observa pasar desde el Ávila.

 Testo e voce narrante Antonio Nazzaro

Video documento poetico per la presentazione del libro:

Odore a…/ Olor a… di Antonio Nazzaro

Edizioni Arcoiris Salerno: www.edizioniarcoiris.it/

Illustarazioni di Mariana De Marchi: https://www.facebook.com/MarianaDeMarchiArt

Editor versione in italiano Ezio Falcomer: http://eziofalcomer.blogspot.com

Editor español: María Julia de la Cruz Guerra (España) http://benditamediocridad.wordpress.com

Annunci

Documentos poéticos

1236660_631763416856102_2041287729_n

“Al hombre sensible e imaginativo, que viva, como yo he vivido mucho tiempo, sintiendo continuamente e imaginando que el mundo y los objetos son en una cierta manera dobles. El verá con los ojos una torre, una campiña, oirá un sonido de campana; y al mismo tiempo con la imaginación verá otra torre,  otra campiña, oirá otro sonido. En este segundo tipo de objetos está todo el bello y el placentero de las cosas: Triste aquella vida ( y es tal la vida comúnmente) que no ve, no oye, no siente que objetos simples, aquellos solos de los cuales los ojos, las orejas y los otros sentimientos reciben la sensación.”

G. Leopardi, Pensamiento n. 1118, en Zibaldone

Que  mejor que el ojo  de un poeta tiene la capacidad de leer dentro de la luz, dentro de los colores, ojos siempre abiertos que pueden familiarizarse también con la oscuridad. Ojos capaces de percibir también una imagen adormecida para los demás.

Quien mejor que un poeta puede entonces narrar, con la ayuda de nuevas tecnologías, imágenes que corriendo  por la pantalla se hacen cuento. Imágenes que defino  poéticas, por el hecho de ser capaces de provocar fuertes emociones, de tocar el corazón y la mente, de hacerte parar a reflexionar alimentando nuevos deseos de conocimientos.

Antonio Nazzaro Zambon no ama ostentar su ser poeta, a veces, tímidamente como un niño, parece sorprenderse el mismo por primero, de esta forma suya de ver el mundo, de su describirlo utilizando  a su  vez medios diferentes.

Sus documentarios poéticos, salidos de su deseo de mostrar, de documentar, utilizando los media para el más familiares “las imágenes”. Fijas o en movimiento, hechas de gentes y lugares lejanos, con actores “originales” y por ende “auténticos”. No contando con el uso de la recitación sino con gestos espontáneos y por lo tanto verdaderos su ser artista. Narrándolos a través de su “ver” con mirada atenta, que encuentra  sus imágenes pasando mediante  una video cámara o descargándolas de la web. Y luego trabajarlas como  se arma un rompecabezas,  añadiéndoles pinceladas de colores, o  tinte de blancos y negros, acompañadas por sonidos repetidos en forma obsesiva. Esperando que su mirar “a través” sea percibido también por otros ojos y llevar a la emoción y por ende  a la profundización; a la introspección.

Describir Milo De Angelis, poeta contemporáneo milanés, en su pasear por las calles de Caracas como se haría con un viejo amigo que se escucha pacatamente, o a Mariana de Marchi pintora y escultora argentina, en su trabajar frenético en sus obras, con velocidad, casi que su querer hacer Arte fuera así de grande que no puede ser contenido en el espacio y en el tiempo.

Descubrir en un viaje a Colombia un pequeño centro cultural independiente, El Centro Cultural Ciudad Móvil de Cartagena, o como en ocasión del X Festival Mundial de la Poesía de Caracas, en el cual con gran entusiasmo participa directamente, y con materiales grabados allí mismo, casi en forma extemporánea, convertirlos velozmente en un documento visual para divulgarlo en la red.

El encuentro en la misma manifestación con Luigi Cinque, músico y director italiano, figura eclética y compleja en sus miles de facetas, contándolo como un Ulises contemporáneo, con el mismo deseo de conocimiento. El “viaje” entendido como crecimiento y deseo de descubrir las cosas del mundo, sin que se le impongan limites, porque no  comprende el motivo de estos, pero con una Ítaca siempre presente, su Ítaca nunca olvidada pero de todas formas lejana.

Cada vez es un desafío y cada vez el deseo de entregar a los demás, bien sean sus amigos o perfectos extraños, lo que para él es motivo de conocimiento y placer intelectual y por ende para compartirse. Lo que el mismo ha visto y como lo ha visto. Su mirar quizás con ojos de niño o con miradas melancólicamente agrisadas. 

Decía Edgar Allan Poe:

Aquellos que sueñan de día conocen muchas cosas que escapan a los que sueñan sólo de noche. En sus grises visiones obtienen atisbos de eternidad y se estremecen, al despertar, descubriendo que han estado al borde del gran secreto. 

 

Documenti poetici

“All’uomo sensibile e immaginoso, che viva, come io son vissuto gran tempo, sentendo di continuo e immaginando, il mondo e gli oggetti sono in certo modo doppi. Egli vedrà con gli occhi una torre, una campagna, udrà con gli orecchi un suono d’una campana; e nel tempo stesso coll’immaginazione vedrà un’altra torre, un’altra campagna, udrà un altro suono. In questo secondo genere di obietti sta tutto il bello e il piacevole delle cose: Trista quella vita (ed è pur tale la vita comunemente) che non vede, non ode, non sente se non che oggetti semplici, quelli soli di cui gli occhi, gli orecchi e gli altri sentimenti ricevono la sensazione.”

G. Leopardi, Pensiero n. 1118, in Zibaldone

548361_631763390189438_1063446429_n

Quale occhio migliore di quello di un  poeta ha la capacità di leggere dentro la luce, dentro i colori, occhi sempre aperti in grado di  familiarizzare anche con il buio. Occhi in grado di percepire anche un immagine addormentata per altri.

Chi meglio di un poeta può allora raccontare con l’aiuto di nuove tecnologie fatte di immagini che scorrendo sullo schermo si fanno racconto. Immagini che definisco  poetiche, in  quando capaci di suscitare forti emozioni, di colpire il cuore e la mente, di farti fermare a riflettere alimentando nuovi desideri di conoscenze.

Antonio Nazzaro Zambon  non ama ostentare  il suo essere poeta, a volte, timidamente come un  bambino, sembra stupirsi lui per primo di questo suo modo di vedere il mondo, del suo raccontarlo usando di volta in volta mezzi diversi.

I suoi documentari poetici , nati dal suo grande desiderio di mostrare, documentare, usando i mezzi a lui più familiari: “le immagini”.  Fisse o in movimento, fatte di genti e luoghi lontani, con attori “originali” e quindi “autentici”. Raccontare senza l’uso della recitazione ma con gesti spontanei e quindi veri  il loro essere artisti.  Narrandoli  attraverso il suo “vedere” con sguardo attento, che trova le sue immagini  passando attraverso una videocamera o scaricandole dal web. E  poi lavorarle come si compone un puzzle, aggiungendoci spennellate di colore, o cupi bianchi e neri, accompagnate da suoni ripetuti in maniera ossessiva. Sperando che il suo guardare “attraverso” sia percepito anche da altri occhi e portare all’emozione e quindi all’approfondimento, alla riflessione.

Raccontare Milo De Angelis, poeta contemporaneo milanese, nel suo passeggiare  per le vie di Caracas come si farebbe con un vecchio amico che ascolti pacatamente,  o Mariana De Marchi pittrice e scultrice argentina, nel suo lavorare frenetico alle sue opere, con velocità, quasi che il suo voler dare all’Arte fosse così tanto da non poter essere contenuto nello spazo e nel tempo.

Scoprire in un viaggio in Colombia un piccolo centro culturale indipendente, il Centro Cultural Ciudad Movil di Cartagena , o in occasione del X Festival della Poesia a Caracas, in cui con grande entusiasmo partecipava in prima persona, e, con materiali raccolti lì, quasi estemporaneamente farne velocemente un documento visivo da divulgare in rete.

L’incontro nella stessa occasione con  Luigi Cinque, musicista e regista italiano, figura eclettica e complessa nelle sue mille sfaccettature, raccontandolo come un Ulisse contemporaneo, con lo stesso desiderio alla conoscenza fine a se stessa , “il viaggio” inteso come crescita e voglia di scoprire le cose del mondo, senza che gli vengano imposti limiti, poiché non ne comprende il motivo, ma con un Itaca sempre presente, la sua Itaca mai dimenticata e comunque lontana.

Ogni volta una sfida  e ogni volta la voglia di dare agli altri, che siano i suoi  amici o perfetti estranei, quello che per lui è motivo di conoscenza e piacere intellettuale di condivisione. Quello che  lui stesso ha visto, e come lo ha visto. Questo  suo guardare forse con occhi di bambino o con sguardi malinconicamente ingrigiti .

 Diceva Edgar Allan Poe:

“Coloro che sognano ad occhi aperti sono consci di molte cose che sfuggono a chi sogna solo di notte. Nelle loro grigie visioni colano frammenti d’eternità e destandosi fremono nell’intimo allo scoprire d’esser stati sulla soglia del gran segreto.”

 Sì, penso che in quest’ultima citazione racchiuda l’essenza  e  l’anima di questi lavori.

Amor de Ciudades – Poemas Antonio Nazzaro

Dónde están

tus palabras en gestos

tus versos en miradas

tus gritos que estremecen

tus labios silentes

tus ruidosos pensamientos

los cantos sin música

armonía de vuelta de estrellas

¿Dónde estás?

¿Cozumel?

Perdimos sueños

aquí

en este barco de

piedra y selva

a nuevos puertos

andando

inmóvil

asfalto y arrecife

se clavan

único mar

pasos lentos

leves

antiguas bellezas

pasan

blanco lino y

flores

olas se orillan

al malecón

cansadamente apoyado

al horizonte

desconocidos

trazos

rutas

graban

sueños

 Cozumel?

Abbiamo perso i sogni
qui
su questa barca di
pietra e selva
a nuovi porti
andando
immobile
asfalto e scogli
si tuffano
unico mare
passi lenti
lievi
antiche bellezze
passano
bianco lino e
fiori
onde che approdano
al lungomare
stancamente appoggiato
all’orizzonte
sconosciuti
tratti
rotte
incidono
i sogni.

El encuentro

Volutas de humo

arquitrabes de estrellas

este cielo de ventana

pasos inconstantes

en el ritmo del baile

clavado en los hombros

de mujeres constantes

sonidos de selva y claxon

aire negro

ritmos desconocidos

cruzan las calles

faros se persiguen

ojos de dos amantes

perdidos bajo la lluvia

hacen danzar al metro

violines

murmullo incesante

acordeones y coches

ermita de tantos la acera

a cada metro

ojo de serpiente

la harta amante al lado

volutas de humo

arquitrabes de estrellas

dibujan su rostro

en esta ventana de cielo

l’Incontro

Volute di fumo
architravi di stelle
questo cielo di finestra
passi incostanti
nel ritmo del ballo
inchiodato sulle spalle
di donne costanti
suoni di selva e claxon
aria nera
ritmi sconosciuti
attraversano le strade
fari si inseguono
occhi di due amanti
perduti sotto la pioggia
fanno danzare il metrò
violini
mormorio incessante
fisarmoniche e auto
eremo di tanti il marciapiede
ad ogni metro
occhio di serpente
la stufa amante al lato
volute di fumo
architravi di stelle
disegnano il suo volto
in questa finestra di cielo

Inquietud

Que engaño eres tú

ojos verdes

nubes y gasolina

salpicada de estrellas

la noche

faros de coches tajan

manos de inquietud

largas se desenvuelven

las calles

cortos cabellos

danza el metro

vidas en ruidos de tajones

se dispersan

coches se llevan sueños

piel blanca ojos verdes

taxis blanco y verde

ruido de motor

movimientos rápidos

palabras caen

lluvia petróleo

se va el sueño

de verdes ojos

al lado

sobre una banca

duerme

Ciudad de Mèxico

Ciudad de mar

Tus ojos

luces del escenario

bajo el alto cielo

noche espectadora

palabras vuelven a poesía

Viajes de tinta-petróleo

sobre asfalto

ensangrentado

Luces se deslizan

sobre

el puente de Insurgentes

Juegos de viento y lluvia

cabellos esparcidos

Aroma no aferrado

tu piel-lluvia

Oprime la vida

corazón ahogado

de la ciudad

Otra estrella

indica el camino

Postes de luz y faros de coches

lento corre el río

Juegos de enredos

edificios del diecinueve

Orillas que se dejan

mojar

por filas

de coches

Ruidos de motor

olas rotas

contra arrecifes

aceras

Trémulas luces de lámparas

en mar de calles

Paso rápido

no cede

al amor

Como lluvia

caen

neón enredados

cuerpos blancos

Levedad

baile amoroso

ebrio bailarín el metro

de amor danza

en pecho

aridez

encendida de verde

Taxis blanco y verde

al andar

Y es casi el fin

manos en un abrazo

cruces de calles

mares humos ciudad

una

mujer

a

Ciudad de México

Casisla

 Llega olor

marino

y selva

no acabadas

casas

precariedad y

olas

a repetirse

sonrisas espumosas

toque

de suspenso

aire húmedo

se cierra un beso

de mar

ya se va la noche

cruceros

pasan

ciudades

desconocidas

negro mar

compás

de monte y olas

pasos solos

recorre el piso

una cucaracha

acuoso chiste

el aire

sentada en las calles

se queda atrás (pasa)

la vida

Casisla

Arriva odore
marino
e selva
non finite
case
precarietà e
onde
a ripetersi
sorrisi spumosi
sospeso
attimo
aria umida
si chiude un bacio
di mare
fugge già la notte
navi
passano al crocevia
città
sconosciute
mare nero
ritmo
di montagna e onde
passi soli
attraversa il pavimento
uno scarafaggio
scherzo acquoso
l’aria
seduta nelle vie
si attarda (passa)
la vita.

Esta mañana

tendida al sol

en la ligera niebla

se dibujan

ojos

tuyos

luces juegos

nubes pasajeras

rozan techos

manos

tuyas

caricia terciopelada

mirada

ruidos de vida

se alzan

despertar

del

apagado corazón

ciudad lluviosa

Deseo

 Dibujas parabolas

eroticas contorsiones

bajo este lluvioso cielo

coche que huye en la noche

la mirada perverción

metro feliz se arroja en un tunel

verde neón reluce

en agitados charcos

las manos garras dulce

llantas comen el asfalto

pasos veloces

en equilibrio

entre

mujer y

ciudad

¿quien erers tu?

Falta de identidad

 Se abre camino en calles

el sol

reflejos de carros al pasar

instantes de vida

se acercan

rápidos

agarra un cabello negro

en la boca de la ciudad

se lanzan

neón y rostros

ceguera del momento

como tu ausencia

ciudad

Mirada hacia…

 Se desliza la lluvia

calles a sucederse

ríos callejeros

bajan felices

corazón ahogado

de la tarde

el metro nada tranquillo

pobre crucero

olor a gasolina

faldas de asfalto se abren

la Libertador y la Miranda

amores desconocidos

dibujan visiones cinéticas

y no hay pausa

mirada petareña

traza sueños

de una ciudad

 Sguardo verso…

Scivola la pioggia
vie che si succedono
fiumi di strada
scendono felici
cuore affogato
del pomeriggio
la metro nuota tranquilla
umile crocevia
odore di benzina
gonne d’asfalto si aprono
la Libertador e la Miranda
amori sconosciuti
disegnano visioni cinetiche
e non c’è pausa
periferico sguardo
traccia sogni
di una città.

Cada

Cada palabra es

una lagrima

cada lagrima

un paso lento

cada paso lento

un encuentro

cada encuentro

un boleto de solo ida

cada boleto de sola ida

un beso no dado

cada beso no dado

una poesia

cada poesia

un silencio ruidoso

cada silencio ruidoso

una palabra

cada palabra

es

1301_479133048828717_2040116264_nRacconti sfilacciati –

Poetica

Mis poemas son como fotografías, en el sentido que cristalizan un tiempo y un movimiento y lo convierten en “el momento”. El momento es ausencia y suspenso, es la imposibilidad de poder decir sino de mirar y permitir de leer esa mirada que desvela, a través de la ironía, la soledad. Que la soledad sea vacía o plena depende del instante, pero su presencia es la verdadera constante. El valor de la palabra es fundamental por eso intento casi siempre dejarla sin artículos y en una posición grafica que la ata a la siguiente pero, al mismo tiempo, le da un espacio y un ritmo propio. Escribo en español, no en castellano, vivo en Latinoamérica, y también porque es mi forma de recordarme que mi amado País me hizo emigrante. Este es el último y único recuerdo que tengo de Italia.

Odore a… Olor a…

Torino: ritorno senza fermata

Torino retorno sin paradaLui è seduto davanti al computer, il posacenere colmo, e cenere sulla tastiera, colpita come si faceva con le macchine da scrivere.  Il ventilatore aggrappato al soffitto taglia un’aria fumosa.

Si accende un’altra sigaretta, scrive: Ci sono viaggi che in verità sono dei ritorni. Dopo sette anni l’Italia e Torino si aprono allo sguardo.

 

Batte con due dita, la sigaretta tra i denti.

Si guarda intorno incuriosito, non sembra cambiato nulla, ma qualcosa non torna mai al ricordo. I suoi cinquant’anni scivolano tra i portici di via Po come i passi del liceo. Si ferma, guarda lo schermo assorto, la sigaretta è una boccata, e un mezzo sorriso.

Cammino mentre lo guardo, è schiacciato sul video.

Tavolini affollano i portici colorati a nuovo, e la bancarella dei libri è ancora lì, qualcuno chiede l’elemosina, come a ritmare lo scorrere delle colonne. Il passo latino è sorpreso dal pendolo torinese di una catena di montaggio: fabbrica che non c’è più. Qualcun altro chiede l’elemosina. C’è chi mangia camminando per lavoro, o cercandolo. Piccoli dettagli tradiscono la differenza, il grigiore si fa evanescente.

Un’ altra sigaretta e gli occhiali scivolano sul naso appuntito verso lo schermo.

 

Come si racconta una città più bella al vedersi del passato e sospesa nel ritmo di chi chiede l’elemosina. Il Po scorre tranquillo, se non fosse estate si alzerebbe il bavero; disegna mattine fredde e nebbiose sui Murazzi, ma il caldo cancella il ricordo. Ha lo sguardo stanco e un caffè al fianco.

 

Lo vedo solo in distanza tra gli scrosci del video.

Scoprire di non appartenere più alle vie scure allora, adesso rilucenti di Porta Palazzo, mercato anche del vizio di vivere, di non riconoscere i suoi passi bambini negli scalini del liceo.

Sorride, le colonne si lanciano nel fiume.Qualcuno chiede l’elemosina. Camminando scoppia a ridere: forse dovrei comprarmi un souvenir.

 

Lo sguardo dietro le lenti si nasconde.

 

Le Vallette scorrono al finestrino, qui il nuovo non è arrivato, tra anziani e sbandati nessuno chiede l’elemosina. Meno auto e più silenzio, stessi volti: mi dai una sigaretta? La sigaretta esce da sola dal pacchetto, si guardano dietro un cenno.

 

Si toglie gli occhiali per ricordare meglio.

Palazzi corrono dal quartiere al carcere passando per un manicomio, o meglio ”casa di cura” dall’entrata oscura di legno nero, l’auto scorre veloce e si riprende a respirare. Ancora toglie il fiato il ricordo della città, del passato. Qualcuno chiede l’elemosina.  Ha la faccia di chi rilegge, muove le labbra.  Nel video sembra muto, lo osservo.

 

Lo vedo ripetersi nello schermo, mentre conto le mattonelle del pavimento, ogni volta un po’ più lontano.

Cammina dietro passi lenti, mentre la città avanza così veloce che non si vede persona, solo gente. Alcuni volti sembrano conosciuti, vorrebbe fermarsi e chiedere, ma il tram segna una nuova fermata e si scende in silenzio. Sorride sorpreso dal pensiero che gli mancano i tram. Dietro l’angolo qualcuno chiede l’elemosina.  Guarda la tastiera; non cerca una lettera ma una fotografia.

Nello schermo la sua nuca buca il video, d’istinto faccio  un passo indietro.

 

Seduto al tavolino, le dita giocano con il bordo di un caffè diventato troppo forte a segnare, come la goccia che corre sul bordo, la distanza. Ma la distanza è un legame che si scioglie nella non appartenenza, gira un cucchiaino pensoso, il caffè ha sapore sudamericano… Si toglie gli occhiali e riaccende la sigaretta.

 

Lo saluto e scompare in un punto nero dello schermo come nei televisori di tanti anni fa.

Turín: retorno sin parada

Él está sentado delante de la computadora, el cenicero lleno, y ceniza sobre el teclado, golpeada como se hacía con las máquinas de escribir. El ventilador  aferrado al techo corta un aire humoso. Se enciende otro cigarrillo, escribe: Hay viajes que en realidad son retornos. Después de siete años, Italia y Turín se abren a la mirada.


Teclea con dos dedos, el cigarrillo entre los dientes.

Mira a su alrededor curioso, no parece haber cambiado nada, pero algo no vuelve nunca al recuerdo. Sus cincuenta años se deslizan entre los pórticos de calle Po como los pasos del liceo.  Se para, mira la pantalla absorto, el cigarrillo es una bocanada, y una media sonrisa.

Camino mientras lo observo, está aplastado sobre el vídeo.

Las mesitas llenan los pórticos pintados de nuevo, y el puesto de los libros todavía está allí, alguien pide limosna, como a ritmar el transcurrir de las columnas. El paso latino está sorprendido por el péndulo turinés de una cadena de montaje: fábrica que ya no existe. Algún otro pide limosna. Hay quien come caminando por trabajo, o buscándolo. Pequeños detalles traicionan la diferencia, el grisáceo se hace evanescente.

Otro cigarrillo y las gafas resbalan sobre la nariz puntiaguda hacia la pantalla.

Cómo se narra una ciudad más bella al verse del pasado y suspendida en el ritmo de quien pide limosna. El Po[i] fluye tranquilo, si no fuera verano se subiría el cuello; dibuja mañanas frías y brumosas sobre los Murazzi[ii], pero el calor borra el recuerdo.  Tiene la mirada cansada y un café al lado.

Lo veo solo en la distancia entre las interferencias del vídeo.

Descubrir de no pertenecer más a las calles entonces oscuras, ahora relucientes de Porta Palazzo[iii], mercado también del vicio de vivir, de no reconocer sus pasos de niño ni los escalones del liceo. Sonríe, las columnas se lanzan en el río.  Alguien pide limosna. Caminando se echa a reír: quizá debería comprarme un suvenir.

La mirada detrás de  los lentes se esconde.

 

Las Vallette[iv] se descorren en la ventanilla, aquí lo nuevo no ha llegado, entre ancianos e inadaptados nadie pide limosna. Menos autos y más silencio, los mismos rostros: ¿me das un cigarrillo? El cigarrillo sale solo del paquete, se miran detrás de una seña.

Se quita las gafas para recordar mejor.

Edificios se suceden desde el barrio a la cárcel, pasando por un manicomio[v], o mejor “Clínica” de entrada oscura de madera negra, el carro pasa veloz y se respira de nuevo. Aun quita el aliento el recuerdo de la ciudad, del pasado. Alguien pide limosna. Tiene cara de quien relee, mueve los labios. En el video parece mudo, lo observo.

Lo veo repetirse en la pantalla, mientras cuento las baldosas del piso, cada vez un poco más lejos.

Camina detrás de lentos pasos, mientras la ciudad avanza tan rápido que no se ve persona, sólo gente. Algunos rostros parecen conocidos, quisiera pararse y preguntar, pero el tranvía marca una nueva parada y se baja en silencio. Sonríe sorprendido del pensamiento que le faltan los tranvías. A la vuelta de la esquina alguien pide limosna. Mira el teclado y no busca una letra, sino una fotografía.

En la pantalla su nuca traspasa el video, instintivamente doy un paso atrás.

 

Sentado en una mesita, los dedos juegan con el borde de un café que ha llegado a ser demasiado fuerte marcando, como la gota que resbala por el borde, la distancia. Pero la distancia es un vínculo que se disuelve en la no pertenencia, da vueltas una cuchara pensativa, el café tiene gusto suramericano… Se quita los lentes y vuelve a encender el cigarrillo.

Lo despido y desaparece en un punto negro de la pantalla como en los televisores de hace años.


[i] El rio más largo de Italia y que cruza la ciudad.

[ii] Una especie de malecón a la ribera del rio.

[iii] Mercado principal de la ciudad.

[iv] Uno de los barrios bravos de la ciudad.

[v] Nunca entendí porque pegado al barrio se construyó una cárcel que lleva el mismo nombre “cárcel le  Vallette” y que termina su muralla en un manicomio.

 

 

 

 de donde eres baja resolucionDi dove sei?

 Tram leggeri scorrono sull’asfalto che si fa ponte per correre tutto d’un fiato la scalinata di un qualche sagrato. Di dove sei? Ogni volta che gli fanno questa domanda resta a pensare. La città ha palazzi d’epoca e modernità di periferia. Il tavolino plastificato riflette, le crepe che l’attraversano sembrano indecise. Ha la risposta in fondo alla gola e una lingua che non si parla. La vecchia periferia di Torino s’apre come un libro di fotografie che scorrono sotto i piedi. L’incrocio lo guarda incerto. Quand’era piccolo, tutti sapevano che non era piemontese. Vede le aiuole farsi città che s’inseguono e le radici sono erba tra asfalto e tombino. Sorride: le periferie del mondo sono sempre dietro la porta. Non parla piemontese né pugliese […]

¿De dónde eres?

Tranvías ligeros transitan sobre el asfalto que se hace puente para correr toda de golpe la escalinata de una iglesia cualquiera. ¿De dónde eres?. Cada vez que le hacen esta pregunta se queda pensando. La ciudad tiene edificios de época y modernidad de periferia. La mesita plastificada refleja, las grietas que la atraviesan parecen indecisas. Tiene la respuesta en el fondo de la garganta y una lengua que no se habla. La vieja periferia de Turín se abre como un libro de puerta. No habla fotografías que se deslizan bajo los pies. El cruce lo mira incierto. Cuando era pequeño, todos sabían que no era piamontés. Ve las parcelas hacerse ciudad que se persiguen y las raíces son hierba entre asfalto y alcantarilla. Sonríe: las periferias del mundo están siempre detrás de la piamontés ni apuliese […]

Odore a disinfettanteOlor a desinfectante

Dalla finestra, come ogni mattina, le nuvole scendono dal monte Avila – se avessero i capelli sarebbero arruffati – come sempre un dito accende il computer. mentre l’altra mano apre alle nuvole. Caracas sbadiglia, poche auto. Guardo la parete, gli occhiali deformano il muro bianco, il caffè chiama dalla cucina.

Si stringe le mani come a trattenere, lo guardo da dietro le spalle nella luce bianca, lo scorrere immobile di una fotografia.

Lei è sul letto, un cono di luce l’attraversa inutile come corde le mani e i piedi, l’odore di disinfettante si mescola alle luci al neon sempre accese. Seduto nel Bar Elena, il ricordo della sorella lo sorprende. Sulle labbra ritorna un sapore amaro, di disinfettante […]

Olor a desinfectante.

Desde la ventana, como cada mañana, las nubes bajan del cerro Ávila –si tuviera cabello, estaría enmarañado- como siempre, un dedo enciende la computadora mientras la otra mano abre a las nubes. Caracas bosteza pocos autos. Mira la pared, los lentes deforman el muro blanco, el café llama desde la cocina.

Se aprieta las manos como a retener, lo miro detrás de los hombros en la luz blanca, el recorrer inmóvil de una fotografía.

Ella está sobre la cama un cono de luz la atraviesa inútil, como las cuerdas, las manos y los pies, el olor a desinfectante se mezcla con las luces de neón siempre encendidas.

Sentado en el Bar Elena, el recuerdo de la hermana lo sorprende. Sobre los labios vuelve un sabor amargo, a desinfectante […]

EllaLei

I capelli di lei sono il dondolare dei lampioni sul limitare del fiume. Le finestre sono stelle basse a disegnare i corpi. Sono carezze lente come tram nella nebbia seguono rotte fisse, sempre sconosciute. Fumi salgono dalle ciminiere dando vaporosi baci alla città che sembra non avere fine. Sono sguardi che trattengono l’istante come angoli di strada gli appuntamenti di sempre. Il corpo si muove. Tremolio di pozzanghere che riflettono squarci di cielo. Le dita intrecciano la via. Lasciano scie come fari nella notte.

Caracas è uno sguardo moreno dal passo sinuoso. L’Avila si incipria con bianche nuvole […]

Ella

instante como esquinas de calle las citas de siempre. El cuerpo se mueve. Tremor de charcos qLos cabellos de ella son el balancear de los faroles sobre el limitar del río. Las ventanas son estrellas bajas a dibujar los cuerpos. Son caricias lentas como tranvías en la niebla siguen rutas fijas, siempre desconocidas. Humos salen de las chimeneas dando vaporosos besos a la ciudad que parece no tener fin. Son miradas que retienen el ue reflejan rasgones de cielo. Los dedos entrelazan la calle. Dejan estelas como faros en la noche.

Caracas es una mirada morena de paso sinuoso. El Ávila se empolva con blancas nubes […]

Parece justo nerviosismoSembra proprio nervosismo

Controluce annulla Torino. Si disegnano le linee dell’amico. Trent’anni sono passati sulle pietre da sempre nere del monumento. E’ incrociarsi di passi. Sguardi da studenti. Il camminare è incerto, verso lo sconosciuto ritrovato.
Sorride: tra un monumento ai caduti e una fermata del tram ci si trova sempre. Un divieto di sosta fa ombra.

La pioggia tropicale supera il ticchettio della tastiera, si alza, la mano fuori dalla finestra, il piede batte il ritmo.

Lo vedo sorprendersi a scrivere in spagnolo.

Gli anni e le parole contano come i passi le lastre di pietra. […]

Parece justo nerviosismo

A contra luz se anula Turín. Se dibujan las líneas del amigo. Treinta años han pasado sobre las piedras desde siempre negras del monumento. Es cruzarse de pasos. Miradas de estudiantes. El caminar es incierto, hacia el desconocido reencontrado.
Sonríe: entre un monumento a los caídos y una parada del tranvía uno se encuentra siempre. Un prohibido estacionar da sombra

La lluvia tropical supera el traqueteo del teclado, se levanta, la mano fuera de la ventana, el pie sigue el ritmo.

Le veo sorprenderse al escribir en español.

Los años y las palabras cuentan como los pasos las lastras de piedra. […]

Sabor amargo como el borde de la aceraSapore amaro come il bordo del marciapiede

 Porta Palazzo, nel sole brillante dal luccicare di ghiaccio ed auto, apriva le gambe composta. Lei sicuramente andava zigzagando ancora tra i banchi del mercato. Pensa: dovrei sentire odore di frutta. Sapore amaro come il bordo del marciapiede. Lo sguardo cerca occhi fuggenti che si perdono nel groviglio dei fili del tram. Sorride: quando hai tutto non la incontri mai. Sembra una storia mal scritta. La piazza in rivoli d’acqua si perde nei tombini. Lei cammina con passo svelto di giaccone troppo grande. Resta inchiodato a vederla passare. Il tram felice si butta nel viale.

Caracas è notturna; nell’oscurità Petare si fa presepe tropicale, rumori passano ognuno con un suono differente. Sembra contarli.

Lo vedo sotto la lampadina, gli occhiali un’impronta digitale, seduto, le punte dei piedi spingono il pavimento.

Gli anni con lei e senza di lei non si possono contare. Ma si può restare a guardarli dal finestrino dell’autobus che passa. […]

Sabor amargo como el borde de la acera

Porta Palazzo, en el sol brillante del lucir de hielo y autos, abría las piernas compuesta. Ella seguramente aún andaba zigzagueando entre los puestos del mercado. Piensa: debería sentir olor a fruta. Sabor amargo come el borde de la acera. La mirada busca ojos huidizos que se pierden en la maraña de los cables del tranvía. Sonríe: cuando tienes todo no la encuentras nunca. Parece una historia mal escrita. La plaza en riachuelos de agua se pierde en las alcantarillas. Ella camina con paso ágil de chaquetón demasiado grande. Se queda clavado al verla pasar. El tranvía feliz se lanza por la avenida.

Caracas es nocturna, en la oscuridad Petare se convierte en un pesebre tropical, pasan ruidos cada uno con un sonido diferente. Parece contarlos.

Le veo bajo la bombilla, las lentes una huella digital, sentado, las puntas de los pies empujan
el piso. […]

dal libro “Odore a …/ Olor a…” di Antonio Nazzaro Zambon

ed. Arcoiris

http://www.edizioniarcoiris.it/index.php

illustrazioni/ilustraciones: Mariana De Marchi

http://www.marianademarchi.com/

editor lingua italiana: Ezio Falcomer

http://eziofalcomer.blogspot.it/

editor lingua spagnola: Maria de la Cruz

Camera di sicurezza Caracas 17/06/10

Le scale sono azzurro-celeste come quelle del balneario di Noli dove quando bambino andavo in vacanza quindici giorni non più/ e portavano a quelle terrazze lanciate tra spiaggia e mare/Qualcosa non torna/ il cielo che si stagliava azzurro è nero mal dipinto luci rotonde bianche neon piastrelle alle pareti di un beige reso evidente da nere fenditure che non riesco ancora a trovarle sessualmente attraenti/ il pavimento righe nere evidenziano mattonelle un tempo forse marroncine forse color sabbia/ Le sbarre sono di ferro lucido di mani sporche non arriva odore di salmastro ma di piscio lasciato lì ad annegare l’anima/ Non sono a Noli quindi sono ancora a Caracas/ le piastrelle finiscono di fronte al bagnasciuga della cella di sicurezza metro 1,78 x2 / mi ritorna il dubbio d’essere in spiaggia/ Il clangore del lucchetto apre l’orizzonte/ “El Chino” ben tarchiato è accusato di resistenza all’arresto come me/ gli occhi di crack che scrutano ogni millimetro di cella sono di un tipo che trovata la nipote a scopare ha deciso di cospargerla di benzina e darle fuoco/ cosa da niente dice/ e si rinchiude per il troppo sole. Un ragazzino 15 anni ha violentato e accoltellato una ragazza/ è solo stato un malinteso/ gli altri due si sono fatti beccare rubando un Blackbarry/ E lei che fa qui? È un professore dice uno dei due Blackbarry/ ha fatto resistenza all’arresto ad un certo punto della giornata eravamo entrambi ammanettati alle sbarre di una porta solo un paio d’ore in piedi per una piú che piacevole conversazione mentre i poliziotti scrivevano i loro rapporti/ Professore di che? D’Italiano Davvero? Prof, come si dice in italiano lamame la totona/ leccami la figa ho di nuovo il dubbio d’essere in spiaggia/ Vorrei poter resistere ma devo pisciare/ prendo con le mani il secchio da pittura che condividiamo con la cella di fianco attraverso un bottiglia di coca cola/ bevi la coca cola che ti fa bene tagliata quasi a meta e di traverso per raccogliere le eventuali perdite come le gocce di dignità che cadono sulla punta delle scarpe/ e una cosa è certa per 16 ore non potrai cagartela/ immagino la coda per entrare al bagno in spiaggia a Noli ma qui non c’è coda né bagno solo la speranza di non avere diarrea.

Dalla denuncia/ Oggi lui ossia io si è presentato nella scuola per presenziare uso traduzione letterale dallo spagnolo del Venezuela le prove orali ed è cosa certa che anche se le stesse sono pubbliche, solo è permessa la presenza autorizzata dall’Istituzione o dai rappresentanti o dagli alunni/ bisogna respirare zaffata d’ammonio urico e non m’importa se non esiste è quello che si sente. Groucho guarda/ ride/ di un tipo strambo che parla di bambini onestà educazione memoria ed un poquito di dignità sembra uno dei miei testi commenta/ Non è un buon inizio però Martin Mistere non ha mai superato a Dylan Dog e Belascoarán Shayne non esce dal DF/ beccati Dylan Dog per capire che sto facendo rinchiuso qua dentro? In quel momento “El Chino” professore non lo pensi tanto domani siamo fuori domani oddio è arrivato improvviso il tempo quante ore sono passate da quando sono rinchiuso immagino in negativo e spero in grande/ Non sono neanche le sette dice “El Policia” poliziotto vero che durante i 45 giorni d’investigazione per omicidio rimane rinchiuso nella stessa “stanza” l’umanizzazione forse salva la dignità con lui vengono rinchiusi i minorenni per lo meno li protegge e mi sembra giusto/ Si alza sull’amaca fatta di lenzuola strizza l’occhio fa il segno della pistola chick o clic sono passati già ventiquattro giorni e non hanno una prova. Dylan mi guarda perplesso Groucho dice di aver capito tutto e questo un po’ mi rassicura/ “El Chino” apre una busta lanciata dalle due detenute del momento mi dispiace per il pubblico ma non ho ne nomi ne facce da ricordare il cielo è sempre più blu. El Chino apre una specie di mezzo sandwich ed ognuno ha il suo boccone ed arriva anche un sorso d’acqua abbiamo mani sporche e luride mani di merda che sanno a merda. Leggero entra nella scena un gatto magro come la fame delle sbarre mentre una cucaracha segue odori aromatici nelle fenditure nere del pavimento uno scatto scarafaggio scafato è troppo per un gatto dall’energia di un solo attacco che afferra zaffata d’urina mossa da un aria quasi immobile/ le zanzare si fanno la doccia ferme in volo che sia una del denghe e facciamola finita Groucho mi scuote El Chino prof non ci pensi/ arriva il mangiare magari sua moglie Mariana… Mariana Mariana. El Chino deve mandare un messaggio e si mette a scrivere. La denunciante rese manifesto di non essere mossa né da falsità né maliziosamente.

Come se da sempre fossi appoggiato a queste sbarre trovo quasi una posizione comoda ergonomica di sbarra e testa reclinata/ El Chino continua a scrivere e l’invio delle missive non è delle migliori si fanno pallottole di carta e si cerca di lanciarle il più vicino al buco delle detenute/ l’altra ha ingegnato un barattolo legato ad una corda e l’interscambiarsi di messaggi è frenetico/ Oye Chino scrivi più di me che sono professore/ ride mi guarda e si rimette a scrivere/ Prof? dimmi hai bisogno di shampoo?/ troppo poco capello ho/ tutti ridono capisco cos’è lo shampoo e dal buco più lontano prof  te la metto in culo / porcaputtana non mi dire che ti piacciono le vecchie?/ Ridono e rido anch’io/ El Chino tranqui man domani a quest’ora mi offri una birra/ Arriva dal buco delle donne un giubbotto ma fa un caldo bestia/ El Chino l’afferra e se lo porta al naso scrive un messaggio come in preda ad una visione-furore/ mi allontano è uno dei blackberry di appena 16 anni mi chiede se come minorenne e primo furto lo lasceranno libero/ in verità intuisco quello che dice tra la paura e la lingua del barrio sapessi dirti perché sono qua forse potrei darti una risposta/ Groucho sta cercando una versione inglese del codice penale venezuelano/ Gli occhi si spostano sul Chino completamente addossato alla parete sotto il naso il giubbotto e sotto anche le mani ha gli occhi semichiusi però mi fa capire di avvicinarmi devo fare un passo e lo faccio/ seguo la punta delle sue pupille e finisco nella vagina di una delle donne con un dito che sembra una saetta di piacere/ mi tocca appena la gamba mi allontano faccio un altro passo/ Assicuro che è stato disgustoso i problemi tra lui come professore e la scuola/ non li conosco/ il suo atteggiamento è stato molto aggressivo io ero con mia figlia lì nella scuola afferma la rappresentante legale e testimone della vittima ossia la scuola/ Arriva lieve lieve come odore a libertà l’acido urico cerco il suo aroma nelle fenditure degli strati di merda su cui cammino/ El Chino ha lasciato cadere le braccia e mi guarda dicendomi tra una settimana esce verrò ad aspettarla/ la mia fidanzata secondo te ho il dito della mano rotto? Il cielo è nero le luci accese e non ho sintomi di diarrea Dylan si prepara un the

Finalmente Dylang sembra avere un’espressione acuta gli occhi seguono fissi il percorrere rapido e chissà perché però schifoso di alcuni scarafaggi la parte di sopra delle mattonelle l’ultima linea prima degli indefiniti colori sfaldandosi l’uno all’altro è di un colore differente più scuro però gli scarafaggi sembrano giocare a nascondino tra i due colori e chissà che ora sará? Mi autodenuncio per millantato credito, falso in atti d’ufficio e altri reati che mi vengano ascritti nel corso dell’indagine/ Tutti i reati da me commessi riguardano la preparazione all’esame di terza media degli alunni della suddetta scuola/ Privo di laurea, e quindi senza abilitazione all’insegnamento, senza essere iscritto all’Aire, senza avere un contratto, sono stato presentato, nella commissione d’esame di cui ho fatto parte senza nessun requisito di quelli richiesti sia dalla legge italiana che venezuelana/ El Chino ha ripreso a scrivere ed anche uno dei blackbarry ha trovato chi lo desidera/ però ha un tiro pessimo e con una specie di panno cosi unto da friggerci le patatine il più magro ed il più alto e con il braccio più lungo si deve quasi stendere pancia sotto e lanciare quest’ultima sindone d’umanità vivente ad afferrare la pallina di carta odorante intime umanità/ sempre sono stato il più alto ed il più magro e mia madre dice che ho le braccia che sembro una scimmia/ sai se la fregano sulla figa il mio sesso è impietrito completamente molle sfatto/ Silenzio Groucho sta pensando ed accende un sigaro con aria eccitata cosa non darei per una sigaretta? Mi guardo intorno e penso questo inizia ad essere un problema vorrei recitare a memoria tutti i verbi irregolari del Pechinino ma mi devo concentrare/ è arrivato il pacco da mangiare del Chino è una specie di arepa gigante grondande d’olio mi mangio il mio boccone e stringo il culo/ La denunciate dichiara alla Polizia che si stava facendo la prova del piano di studi fissato dal consolato italiano. Minchia u’ console è lo coordinatore didattico mamma mia bella/ no niente da fare non riesco a trasformare la arepa in una pizza e mi rifugio in dei tacos fatti male/ Prof te ne voglio regalare una inizia a sbattere contro le sbarre violentemente il rumore e straziante più della voce continua così per quindici minuti inframezzando coño de madre per tutti e chi può negarlo?/ Prima di ritrovarmi qui il mio certificato penale italiano e Messicano e d’ogni Paese in cui ho viaggiato era pulito anche se non ho nascosto i miei quindici anni d’eroina salvandomi per puro culo e da chi da una vita mi conosce per aver usato le comunità terapeutiche come riduzione del danno/ Arriva la poliziotta a tre metri dalle sbarre dice sei già andata in bagno alle sei niente fino a domani/ E se ne va rumore di lucchetti e non ha detto nemmeno l’ora.

Adesso dalla finestra vedo l’Ávila bagnata lentamente da una pioggia fine e il rumore delle auto ricorda lo sciacquio delle onde sugli scogli non di Noli ma di Riva Ligure e non ho più otto anni ma venti e passa e faccio il toxico-lavoratore-sociale nel Sert d’Imperia/ Nel frattempo ho fatto il cronista qua e là carta stampata e nella storia della televisione occupo uno spazio con il programma “Pronto Polizia” degli anni 90 è ancora al quattordicesimo posto per ascolti dalla nascita di Italia 1 lo so sono colpevole ho lavorato per Silvio Berlusconi devo per forza chiamarlo presidente? Chissà come si chiamava il presidente della commissione d’esame di stamane/ Il polso mi fa male ed è gonfio stringono le manette e poi se te le mettono con un braccio girato fa ancora più male e se poi cerchi di tirar fuori il telefonino e di farlo funzionare rinchiuso nel portabagagli di una pattuglia la cosa si fa dura pero devo chiamare Mariana. Mariana…Mariana/ è arrivato il mio pacchetto di viveri la paura s’impadronisce di me sento che sto per scoppiare a piangere apro la piccola busta di nylon dentro c’è un panino di prosciutto e formaggio un pacchetto di crakers un succo di pera ed il mio nome scritto su un tovagliolo di carta/ non so cosa stessi immaginando come cena ma in quel momento quel cibo sembrava come un abbandono come se l’avessi perduta, un senso di vuoto riempito solo dall’odore dell’urina e dal masticare di un sol colpo il pezzo di ciascuno/ Conserva la busta potrebbe trasformarsi in un buon water dice rapido El Chino che mi guarda stupito e poi si può sopportare questo ma non di essere maltrattati si riferisce al suo alterco con il poliziotto come se passare per questo fosse non giusto ma normale niente acqua niente bagno stesi sulla merda o meglio seduti ed appoggiati alla parete mi gratto la testa in continuazione da 15 anni d’eroina non si esce ballando il fegato è a pezzi ed i meccanismi del sonno quasi perduti e tanti pero tanti lunghi silenzi rumorio continuo di un cervello che non smette di funzionare e tu che ne cerchi disperatamente il bottone per spegnerlo e solo mi rendo conto che mi sto coprendo di macchie rosse sulla pelle/ cazzo il primo fungo sopratutto le barriere immunologiche a parte l’età sono davvero disastrose/ Il gatto incuriosito mi guarda qualcosa non quadra i suoi baffi caspita è Groucho mentre Dylan si aggiusta il collo della camicia/ Guardate un po’ la sposa del prof  lo vuole magro gli ha mandato un pacchetto di crakers o forse giá non lo vuole Prof non ti preoccupare io ti do il mio di amore dice ridendo sguaiata una voce di donna che non è Mariana.

Che ora sarà? Mi sono tolto le scarpe ed ho cercato di usarle come cuscino ma sembro miele per tutti gli insetti che camminano per ogni parte e qui non ci sono mulatte per ogni punto cardinale come nella poesia Avanera di Mario Benedetti/ ma dove va questa testa tra il culo di uno dei blackbarry e il braccio ritorto dell’uomo fiaccola che dice di averla solo voluta spaventare con me ci riesce benissimo/ Sono già in piedi ma forse non mi sono neanche mai riuscito a sedere su questo pavimento d’escrementi e di vite buttate qua dentro giorno per giorno ora per ora/ prof ti va bene che oggi è giovedì al venerdì la cella si riempie/ dice il poliziapresuntoassassino e difensore dei minorenni rinchiusi, fino a 15 ne ho visti rinchiusi lì dentro intanto si sgocciola l’uccello sulla pratica bottiglia di coca cola con tutte quelle bollicine/ e qui fa un caldo becco e si muore di sete ma per chiedere bisogna dare non ci sono termini medi/ il tempo è immediato come immediati si vive a Caracas mancanza di prospettiva? Non avete ancora capito un cazzo allora sanno che non possono esistere e adesso lo so anch’io/ E se tutto questo è solo un gioco della mia mente un balzo felino a caccia di una falena mi riporta lo sguardo lungo la linea nera che corre furiosa e rapida come uno scarafaggio e mi ripeto perché sono qui/ Sono piú o meno le 11.40 quando chiudo lo sportello dell’auto di un ambasciatore del Sur che dice che mi aspetta per un progetto entrambi siamo tristi abbiamo perso un amico Marcos Tassino compagno di tango e Benedetti angolo per una speranza da condividere/ Due giorni prima gli avevo raccontato di aver visto il ritratto di suo fratello ucciso dalla dittatura nella sua città natale/ Ma sono rinchiuso in queste sbarre El Chino sorride stanco anche lui non riesce a dormire nonostante la detenuta questa si che sa lanciare lo abbia dotato di tutti i confort ossia un lenzuolino una copertina ed il sexy giubbotto del sesso un destino assurdo quasi crudele e chissà forse anche giusto ha deciso che dopo la prima della mia adattazione “Racconto del filo spinato” dell’opera incentrata sulla tortura attraverso un dialogo tra “Pedro y el Capitán” di Mario Benedetti io sia qui giá desnudato della mia dignità colpito nel profondo e affondato torturato senza tortura solo con l’assenza/ L’unica speranza che sento e nel pensare a Mariana però sento colpa nel pensarla avrei dovuto evitare tutto questo/ In verità non immaginavo che potesse finire con me qui anche se nell’intervista autodenuncia del 27 dicembre del 2009 quando il giornalista della testata http://www.notiziedacaracas.it  Piero Armenti mi chiedeva cosa volevo ottenere avevo risposto provocatoriamente che mi arrestino e adesso eccomi qua a camminare piede a piede e attraverso l’aumentare o diminuire il rumore delle auto che passano conto ore senza tempo

La cittadina Milazzo Scopazzo Patrizia Teresa Paola sottodirettrice della Scuola privata Bolivar Y Garibaldi afferma Lui ossia io è entrato nella scuola e per di più nell’aula dove si stava presentando la prova orale dell’esame di certificazione emesso dallo Stato Italiano che vorremmo che qualcuno avalli ciò che sostiene la signora Milazzo ndr lo cual causó che la stessa prova orale fosse interrotta con un conseguente trauma per l’esaminando/Uno dei direttori dell’Istituto le indicó al signor Nazzaro che doveva ritirarsi cosa a cui si è opposto allegando che poteva stare lí/ si dimentica la signora Milazzo che l’esame è pubblico? o viene sorretta da ottimi consiglieri e continuiamo a leggere dalla denuncia del 17 Giugno anche se non esco da questa cella fatta di odori insetti e zanzare e Groucho e Dylan sono stufi di prendere il the/ Il fatto che potesse stare lí che come ho detto prima non era corretto (si riferisce al mio stare lí) e a causa di ciò si è dovuta traslare la prova orale in un’altra aula e vista il negarsi del signor Nazzaro la direzione si è comunicata con il Consolato Italiano che ha suggerito di chiamare la Polizia / L’odore acre dell’urina si fa forte ed inizio a grattarmi sul gomito destro mi si è aperta un’ulcera e scrivo queste parole il 16 di Luglio eppure sento aumentare il rumore che viene da basso vuoi vedere che hanno scoperto che l’esame orale dello Stato Italiano è pubblico e vengono a liberarmi sembra un film di John Wayne / il console G. Davoli, quello che mi aveva ringraziato per aver svelato “la frode” resosi conto dell’errore mi viene a salvare ma non è così e non sono zoccoli di bisonti quelli che corrono per le scale ed irrompono nell’antisala delle celle uno con quei bastoni di metallo che si aprono e chiudono lo fa correre su e giù e sbriciola con un colpo alla parete il cuore di una mattonella una visione d’istante un punto bianco nel buio ma sono urla e tutti siamo in piedi/ il tipo del bastone segna i suoi passi a ritmo di colpi che spaccano il muro ma si può uscire di qui? Un paio d’insetti hanno riempito il buco bianco e da una cella escono in 12 ed inizia la perquisizione. Sono tutti in mutande schierati di fronte ad una linea che dovrebbe essere immaginaria ma segue una specie di autopista per insetti vari fanno la conta due volte e gli sequestrano l’antizanzare evviva il dengue e poi rientrano come formiche nel loro buco il rompimattonelle mi ha giá guardato due volte abbasso gli occhi e aspetto/ Da notare che nella denuncia il preside Claudio Milazzo Scopazzo della scuola non appare ma sono presenti come testimoni la madre Liboria il fratello Errol e la sorella Patrizia e l’avvocato rappresentante della scuola, non per questioni di contratto di lavoro sottolineerá di fronte alla giudice, ma per altri aspetti legali della scuola Bolivar e Garibaldi. Difficile mettere nero su bianco in documenti legali sulla Voce d’Italia giornale della Collettivitá invece si puó fare l’illegalitá della figura come Preside di uno della banda dei Milazzo

Da quest’anno ha una coordinatrice didattica che è Elvira Rizzo lo scorso anno nella commissione d’esame né Elvira né io ne Alessandra Aprile sapevamo che esistesse un coordinatore didattico magari cosí ci avrebbe spiegato come funzionava e su quali programmi e quali libri avremmo dovuto avere per poter fare lezione questo spiega perché non viene menzionata nella denuncia nessun altro commissario d’esame facente parte della Commissione. Gli scarafaggi sembrano puntare dritti verso il poliziottoomicida che le aspetta al varco sembra John Wayne ma piú simile a quello delle mie fantasie il console Davoli gli manca solo la cravatta giallopuntinata come queste piastrelle d’altro puntinate ma senza la firma Hermes/ L’odore dell’urina in alcuni momenti fa lacrimare tu dice il poliziottorompipiastrelle indicandomi con il bastone io domando teso io/ si tu che hai fatto e chi sei cosa ho fatto non l’ho ancora capito per il resto io sono il professore Antonio Nazzaro sono stato direttore della scuola d’Italiano dell’Istituto Italiano di Cultura a Caracas dell’ambasciata italiana nonché assessore culturale dell’addetto culturale dell’Ambasciata Italiana/ ho fatto lezione d’italiano e date conferenze nell’Università Centrale del Venezuela UCV , ho dato un seminario en la ex Armando Reverón oggi conosciuta come UNEARTE, ho organizzato dopo 15 anni di assenza una mostra collettiva di videopoesia italiana in collaborazione con il blog Nomadi Mondi nel Museo d’Arte Contemporaneo e organizzato un happening di giovani artisti venezuelani insieme al poeta Davide Rondoni tutto a spese del Centro Cultural Tina Modotti le cui attivitá sono state sospese per poter pagare gli avvocati è lunga una notte in un buco e non sai dove andare ma andresti in qualsiasi altro posto forse no anzi sicuramente no/ non tornerei sotto un ponte a farmi una pera meglio stare qui anche se mi fa fatica crederlo ed il poliziotto con una serie di sputi aggredisce gli scarafaggi che solo scartano rapidi come bufali in questa prateria di due metri per un metro e settantotto centimetri/ Un momento di fortuna Groucho sorride sotto i baffi Dylan segue impassibile come se giá sapesse guardo attentamente il poliziottorompipiastrelle e dico guardandolo negli occhi lei é stato mio alunno d’Italiano quando doveva diventare uno della scorta dell’ambasciatore d’Italia/ Ma allora é lei cosa vuole? un po’ d’acqua e una sigaretta dopo dieci minuti arrivano due bottigliette di the lo ringrazio e mi dice anche non ho trovato una sola sigaretta mi spiace Groucho quella del poliziottorompipìastrelle come alunno non ci crede e camminando in circoli mi dice vada avanti e lascia una scia di fumo di sigaro che qui sa a sudore merda e tanta forse troppa piscia/ Faccio notare dalla denuncia che: l’intervento della polizia si deve il presunto autore dell’illecito penale, in virtú che lo stesso si trovava dentro de la installazione dell’Unitá Educativa Bolivar y Garibaldi ubicato in via Araguare della zona Marquez, del Municipio Sucre dello Stado Bolivariano di Miranda, senza l’autorizzazione corrispondente. Questo vuol dire che la prova orale d’Italiano per il Console Davoli nonché consigliere della banda Milazzo e la vittima della denuncia ossia la scuola Bolivar e Garibaldi gode di un privilegio unico nella storia delle scuole italiane quello di poter fare gli esami ad inviti e non preoccupatevi qui ci sono scarafaggi che corrono piú veloci della legge ed il poliziottoassassino salta sulle ciabatte e gli rifila un calcio ma é una partita persa una cucaracha è giá passata dall’altro lato

Dalla denuncia fatta nel 2009 non é cambiato nulla alla Bolivar y Garibaldi a parte di aver trovato nella professoressa Rizzo chi potesse essere il coordinatore didattico della scuola nonché unica professoressa italiana della terza media/ a parte la matematica, infatti la diplomata della scuola italiana in Venezuela Augustín Codazzi a cui é stato tolto il finanziamento a favore della Bolivar y Garibaldi, Alessandra Aprile ha continuato ad essere professoressa d’italiano nella seconda media. I ragazzi anche se nessuno ci crede sono la vera vittima di questo pasticcio e le tre professoresse italiane che lavorano ancora oggi senza contratto e senza permesso di soggiorno/I ragazzi perché non hanno libri e non si riesce a capire come con lo stesso numero di ore possano completare sia il piano di studi venezuelano che italiano che é la base per ottenere il riconoscimento del titolo da parte dei due Stati/ Senza libri e senza professori è difficile sostenere un’esame uguale a quello che svolgono i ragazzi in Italia ma fino ad ora le soluzioni a questo problema si sono trovate in strani maneggi degli esami non ultimo il fatto che il Console Davoli abbia chiamato in consolato il commissario d’esami assegnato alla scuola media Bolivar y Garibaldi una vera e propria coincidenza la mattina della prova scritta d’italiano/ Dove siano finiti i finanziamenti pubblici erogati alla scuola in questione visto la mancanza del materiale didattico e l’illegalitá lavorativa dei suoi dipendenti vedi appunto il proprietario-preside Claudio Milazzo resta un mistero/ Una cosa certa dice uno dei blackbarry ne ho rubati undici prof e li ho rivenduti a mille bolivares quasi sempre a dei professori/ Hai capelli mezzi dipinti di giallo fa fatica a sostenere il discorso senza l’uso di modismi o meglio dello slang di Petare quartiere simbolo della assenza dell’essere esistenti arriva il suo pacco mi offre un platano refritto ringrazio ma passo/ e lei sta qui perché ha protestato ed ha fatto resistenza all’arresto il problema é che non dovevo essere arrestato ma poco conta qui siamo tutti uguali/
La storia finisce con la mia condanna a firmare per sei mesi presso il tribunale e un precedente penale. Il Centro Cultural Tina Modotti ha sospeso le sue attivitá le spese legali sono alte, sette giovani venezuelani hanno perso il lavoro, per far capire che ero nella Bolivar y Garibaldi perché la prova orale é pubblica e quindi ottenere la sospensione dell’obbligo di firma e poi la cancellazione dell’espediente penale in quanto non stavo compiendo nessun reato/ Ho la testimonianza scritta di due commissari d’esame che confermano che il direttore della scuola italiana Claudio Milazzo ha interrotto l’esame per mandarmi via/
Resta una notte passata in cella se cosí si può definire, ed uno scarafaggio mi sorride.

 

Voce narrante Ezio Falcomer

http://eziofalcomer.blogspot.it/

– Testo Antonio Nazzaro

Vision Book – Ezio Falcomer & Antonio Nazzaro

Il lavoro sui testi di Mario Benedetti ha aperto un cammino fuori dagli schemi della videoarte, della videopoesia e della piana lettura degli audiolibri. Il vision-book realizza piuttosto il progetto del teatro in voce e fa incontrare gli artisti di discipline multiple, con una contaminazione tra videodidattica e altre discipline. Le immagini ritraducono la traduzione dell’interprete del testo, in una sorta di dialogo fra tre visioni (testo, immagine, voce) e nel comporsi di una sola opera-prodotto.

Siamo lontani dalla videoarte perche’ il vision-book si autoimpone un limite: non genera immagini nuove ma si appropria dell’immaginario altrui in un montaggio di sequenze e spezzoni che generano nuove immagini o, per meglio dire, metaimmagini. Un processo di costruzione basato sull’archivio di immagini e video preso dalla rete o dalla vita privata; in un gioco di richiamo e decodificazione tra parola e immagine in cui i significanti di entrambe spesso non coincidono e aprono un gioco talvolta ironico e imprevedibile.

Nel vision book lo scambio fra gli artisti/artigiani del testo, della voce e dell’immagine fa perdere ad ognuno la titolartita’ dell’opera complessiva. Il risultato e’ la fusione armonica o disarmonica di visioni plurali e dialoganti fra loro. La fruizione diviene metafruizione, puo’ essere unica o tripartita. Il vision book puo’ essere anche visto senza audio, puo’ essere ascoltato senza visione, puo’ essere letto solo come testo.
photo

El trabajo sobre los textos de Mario Benedetti, ha abierto un camino fuera de los esquemas del video arte, de la video poesía y de la lectura llana de los audio libros. El visión book realiza más bien el proyecto del teatro en voz y reencuentra los artistas de diversas disciplinas, con una contaminación entre video didáctica y otras disciplinas. Las imágenes retraducen la traducción del intérprete del texto, en una suerte de diálogo entre tres visiones (texto, imagen, voz) y en la construcción de una sola opera-producto.

Estamos lejos del video arte, porque el vision book se autoimpone un límite: no genera imágenes nuevas, pero se apropia del imaginario ajeno, en un montaje de secuencias y fragmentos que generan nuevas imágenes, o mejor dicho, metaimágenes .
Un proceso de construcción, basado en los archivos de imágenes y videos tomados de la red, de la vida privada, en un juego de llamadas y descodificaciones, entre palabras e imágenes en los cuales los significados de ambos frecuentemente no coinciden y abren un juego algunas veces irónico e impredecible.

En el visión book el intercambio entre los artistas/artesanos del texto, de la voz y de la imagen, hacen perder a cada uno la titularidad de la obra completa. El resultado es la fusión armónica y desarmónica de visiones plurales y dialogantes entre sí. La fruición se convierte en metafruición, puede ser única o tripartida. El visión book puede ser visto también sin audio, se puede escuchar sin verlo o puede ser leído sólo como texto.

El visión book nace en la Red, usa materiales encontrados en la red y es pensado como un producto intelectual artístico para la Web. O para muestras de video arte monocanales.
Los visión book son creados de imágenes y audios hallados en el cyber espacio y no prevén la producción de imágenes.
Los visión book por escogencia estética son tecnológicamente “toscas” en cuanto quieren des enmarcarse del afán tecnológico y concentrarse sobre el acto creativo.
Los únicos comandos usados para dar vida al visión book son:
• Corta y pega.
• Aumento o disminución de la velocidad de las imágenes.
• Cambio del color al blanco y negro.
• Aumento o disminución de los contrastes y luminosidad.
• La banda sonora nunca se modifica.
• Se está experimentando el uso de sonidos de fondo.
• No prevé una banda sonora.

 1044800_474876365921052_334385545_n